MI NUTRI

Odio le attese.

I momenti in cui fisso il telefono.

Ed il modo in cui mi sento quando squilla.

Ed il modo in cui mi sento quando non squilla.

E odio le promesse.

Quei “certo”, “sicuramente”, “lo farò”

che nascondono  l’ennesimo modo di rimandare a domani

una fine che sappiamo entrambi arriverà.

E odio te.

Per essere rientrato nella mia vita dalla porta principale.

Avermi spettinato.

E odio me.

Per averti lasciato aperta  quella  porta.

Averti  fatto  entrare.

Odio me.

E odio te.

E di quest’odio mi nutro.

Mi nutri.

E non riesco più a farne a meno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...