BRICIOLE

In ginocchio sotto al tavolo
attendi paziente che una mano padrona
ti conceda le sue briciole.

Testa bassa,
occhi socchiusi,
mano tesa pronta ad accogliere.

Com’è successo?
Quand’è successo?

Che hai smesso
di essere te per ritrovarti
qualcuno che non riconosci.

Che hai smesso
di sentirti forte,
una,
completa.

Per ritrovarti
a elemosinare attenzioni
da chi ti tocca
con mani estranee.

Com’è successo?
Quand’è successo?

Che senti freddo,
ma non sai più scaldarti.

Che senti rabbia,
ma non sai più sfogarti.

Che resti in ginocchio,
e attendi paziente,
briciole che sai
non potranno saziarti.

5 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...